Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Comune di Pomarance Portale istituzionale dell'ente

IMU

Imposta Municipale Unica

Che cos'è

L’Imposta Municipale sugli Immobili è un tributo destinato a finanziare i servizi che l’Ente offre ai cittadini.

   E' l’imposta dovuta per il possesso di fabbricati (escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9), di terreni ed aree fabbricabili, ed è dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie), dal concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e dal locatario in caso di leasing.
NB: nel nostro Comune, che è classificato come Comune “montano”, l’IMU sui terreni agricoli non è dovuta.
    L’IMU è stata introdotta, a partire dall’anno 2012, sulla base dell’art. 13 del D. L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, in sostituzione dell’imposta comunale sugli immobili (ICI).
A decorrere dal 2014 e fino al 2019, poi, l’IMU è stata individuata dalla legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità per il 2014) quale imposta facente parte, insieme al tributo per i servizi indivisibili (TASI) e alla tassa sui rifiuti (TARI), dell’imposta unica comunale (IUC).
La legge 27 dicembre 2019, n. 160 (legge di bilancio per il 2020) ha successivamente abolito, a decorrere dall’anno 2020, la IUC e – tra i tributi che ne facevano parte – la TASI.

Sono, invece, rimasti in vigore gli altri due tributi che componevano la IUC, vale a dire la TARI e l’IMU, quest’ultima come ridisciplinata dalla stessa legge n. 160 del 2019.
    L'IMU si applica in tutti i Comuni del territorio nazionale. 

Come si paga

I pagamenti si possono effettuare a mezzo F24 calcolato in autoliquidazione:

allo scopo è disponibile lo "SPORTELLO del CONTRIBUENTE" 

tramite lo Sportello è possibile:

  • interrogare la propria posizione tributaria,
  • verificare quali informazioni conosce l’amministrazione,
  • verificare i pagamenti effettuati ai fini dei tributi,
  • effettuare le dichiarazioni ai fini TARI, IMU, COSAP e Pubblicità
  • effettuare il calcolo del dovuto IMU e stampare degli F24,
  • ristampare i modelli F24 del tributo TARI,
  • effettuare pagamenti COSAP e ICP.

Le dichiarazioni/comunicazioni che il cittadino fa attraverso lo sportello on-line, vengono recepite automaticamente dall’ufficio tributi, che provvede alla sua accettazione, validazione o segnalazione di eventuali incongruenze.

ALIQUOTE IMU 

1.    aliquota ridotta per l'abitazione principale, pari allo 0,4 per cento ( solo per categorie catastali A01-A08-A09);
2.    aliquota pari allo 0,96% per immobili del gruppo catastale D1 e D5;
3.    aliquota pari allo 0,86% per immobili del gruppo catastale D2, D3, D4, D6, D7, D8  ;
4.    aliquota ordinaria pari allo 0,76% per tutti gli altri immobili;
5.    detrazione per abitazione principale cat. A01-A08-A09 e pertinenze (nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7), nonché unità immobiliari di edilizia residenziale pubblica diversi dagli alloggi sociali regolarmente assegnati:   € 200; 

... tali aliquote e tariffe decorreranno dal 1° gennaio 2020 e saranno valide per gli anni successivi, anche in assenza di specifica deliberazione, ai sensi dell’art. 1, comma 169 L. 296/2006;

Di seguito i facsimili dei modelli di denuncia, richiesta, comunicazione ... per le varie casistiche:

Allegato IMU-DICHIARAZIONE_INABITABILITA-INAGIBILITA.pdf (9,60 KB)
  Per applicarsi la riduzione del 50% dell’Imposta dovuta in caso il fabbricato posseduto sia fatiscente o comunque non abitabile/agibile ai sensi del vigente regolamento comunale del tributo, è necessario presentare questa dichiarazione sostitutiva di atto notorio, corredata da copia di un documento d’identità in corso di validità del sottoscrittore e da eventuale documentazione, anche fotografica, che documenti lo stato del fabbricato in questione. Attenzione: se non la si presenta nei termini di legge (30 giugno dell’anno successivo a quello per cui si applica la riduzione del 50% sopra indicata) si perde il diritto all’agevolazione.
Allegato TRASMISSIONE_CONTRATTI_COMODATO_(1).doc (25,50 KB)
  Per trasmettere al Comune il contratto di comodato per uso gratuito a genitore o a figlio, stipulato presso la competente Agenzia delle Entrate, e ottenere così la riduzione del 50% dell’Imposta.
Allegato IMU-istanza_di_riesame_in_autotutela.doc (357,50 KB)
  Per chiedere la motivata revisione di un avviso di accertamento IMU notificato
Allegato RICHIESTA_VERIFICA_ACCERTAMENTO_DEFINITIVO.docx (16,51 KB)
Allegato RICHIESTA_VERIFICA_CARTELLE_AGENZIAENTRATE.docx (17,52 KB)
Allegato IMU_modello_dichiarazione.pdf (40,37 KB)
  NB: La dichiarazione IMU è stata abolita da tempo per quasi tutte le casistiche, ma resta dovuta per le aree edificabili, per regimi agevolativi (es. fabbricati inutilizzabili/inagibili) e per alcune altre casistiche fissate per legge.
Allegato IMU_RIMBORSO.doc (30,50 KB)
  Per chiedere il rimborso in caso si sia pagato un importo per IMU maggiore di quello dovuto. Va presentata entro 5 anni dal pagamentO.
Allegato RICHIESTA_RATEIZZAZIONE_ACCERTAMENTI.doc (27,00 KB)
  Per chiedere la rateizzazione di un accertamento IMU notificato